Glossario

Glossario

Tutti | # A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
Ci sono 12 voci nel glossario che iniziano con la lettera S.
Scheda prodotto
Illustra le caratteristiche dello strumento finanziario che si acquista (su consulenza o di propria iniziativa). La scheda deve indicare la classe di rischio effettiva dello strumento finanziario ovvero deve riportare tre tipologie di rischio: a) il rischio mercato, b) il rischio credito, c) il rischio liquidità. Per prodotti finanziari “illiquidi” la scheda prodotto dovrà contenere ulteriori informazioni come previsto dalla Comunicazione Consob n. 9019104 del 2.03.2009 in tema di distribuzione di prodotti illiquidi.
Scheda sulla profilatura
E’ la scheda in cui il cliente fornisce all’intermediario finanziario le informazioni circa la propria “conoscenza ed esperienza” sugli strumenti finanziari, la “situazione finanziaria”, gli “obiettivi di investimento”. Sono tutti parametri che l’intermediario utilizzerà per formulare il giudizio di “adeguatezza” ai fini della “consulenza”: l’intermediario può consigliare/raccomandare solo strumenti finanziari coerenti con tutti e tre i parametri riportati nella scheda sulla profilatura; nel caso di acquisti “ad iniziativa cliente” utilizzerà solo il parametro di “conoscenza ed esperienza” per formulare il giudizio di “appropriatezza”.
SEPA (o RID)
E’ un servizio di addebito diretto che consente, a fronte di una preventiva autorizzazione rilasciata dal/dai titolare/i del conto al soggetto creditore, l’addebito automatico di alcune spese periodiche (utenze domestiche, servizi rateali, abbonamenti editoriali, ecc…) o una tantum sul proprio conto corrente Il Sepa, dal 1° agosto 2014 sostituisce l’analogo servizio conosciuto come RID.
Servizi di investimento
Attraverso i servizi di investimento gli intermediari (banche, SIM ecc.) consentono di impiegare, sotto varie forme, i risparmi dei clienti, in strumenti finanziari (azioni, obbligazioni, titoli di Stato, quote di fondi, contratti e strumenti derivati ecc.). I servizi di investimento possono essere prestati solo da intermediari dotati di una specifica autorizzazione.
SGR - Società di gestione del risparmio
Sono soggetti che possono fornire alcuni determinati, servizi di investimento: • la gestione di portafogli (le cc.dd. gestioni patrimoniali); • la consulenza in materia di investimenti; • la ricezione e trasmissione di ordini (solamente in alcuni specifici casi). Insieme alle Sicav e alle Sicaf, gli unici soggetti che possono svolgere l'attività di gestione collettiva del risparmio (ad esempio, la gestione di fondi comuni di investimento mobiliare).
Sicav e Sicaf
Le società di investimento a capitale variabile (Sicav) e le società di investimento a capitale fisso (Sicaf) sono insieme alle SGR, gli unici soggetti che possono svolgere l'attività di gestione collettiva del risparmio e sono società ad oggetto sociale esclusivo (ossia possono svolgere solo questa attività).
SIM - Società di intermediazione mobiliare
Imprese di investimento, con sede legale e direzione generale in Italia, uniche, insieme alle banche autorizzate, a poter prestare servizi e attività d'investimento nei confronti del pubblico; sono iscritte in un apposito albo tenuto dalla Consob, che insieme alla Banca d’Italia vigila sulla loro attività.
Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC)
Un tempo denominati "centrali rischi private" - sono le banche dati private consultate da banche e finanziarie per verificare affidabilità e puntualità nei pagamenti e servono per valutare l'opportunità di concedere credito al consumo, prestiti e finanziamenti in qualsiasi forma tecnica.
Sofferenza
Termine utilizzato in ambito finanziario per indicare lo stato di insolvenza di un debitore ovvero quando questo sia valutato irreversibilmente incapace di saldare il proprio debito (in base ad una valutazione della situazione finanziaria complessiva del cliente fatta dalla banca/intermediario finanziario ).
Sovraindebitamento
La legge 3/12 definisce il sovraindebitamento come quella “situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, nonché la definitiva incapacitata del debitore di adempiere regolarmente le proprie obbligazioni”.
Spread
Dato dalla differenza fra due tassi di interesse, rappresenta il margine di guadagno tra i due tassi. Nel settore bancario è la maggiorazione applicata al parametro di riferimento per la definizione del tasso d’interesse; varia in funzione della durata del contratto, del rischio del cliente, del rischio dell’operazione, dei costi di raccolta.
Strumento finanziario c.d. “illiquido”
Strumento non quotato sul Mercato Regolamentato, come ad esempio una azione emessa da una società non quotata in borsa (ad es. una banca che opera come società coop. per azioni).